Blog: http://iQuattroCavalieri.ilcannocchiale.it

"Guerra in Afghanistan, cioé nel paese che detiene l'80% della produzione mondiale di oppiacei: le verità indicibili."

 Guerra in Afghanistan, cioè nel paese che detiene l’80% della produzione mondiale di oppiacei: le verità indicibili.

Di nuovo morti dei ragazzi nell’interminabile “opera di pace” in Afghanistan. Di nuovo eroi morti per la pace, la libertà etc.: dulcius et decori est propatria mori. Di nuovo grandi discorsi al valore militare, decorazioni a ragazzi per i quali le famiglie e gl’amici avrebbero ben preferito rivederli in vita invece di avere una medaglia da appendere in salotto. Di nuovo discorsi che isolano le cose dal contesto. Un contesto che nessuno vuole evocare, e che - tranne in una puntata di “Report” - non abbiamo mai sentito evocare sulla stampa. Eppure lo sanno tutti, anche i ragazzini: è in Afghanistan che si produce l’80% degli oppiacei del pianeta Terra. E’ con i proventi di questi che si finanziano i albani o preunti tali. Eppure, contrariamente al colonnello Curz di “Apocalypse Now” a nessun dannato generale, né italiano, né tautomero americano è venuto in mente di buttare ad esempio il Napalm sui campi, la prima cosa che un qualsiasi stratega anche da strapazzo avrebbe fatto. Sicuramente perché, al contrario che al colonnello Curz, a loro non sarebbe piaciuto stiracchiarsi all’alba pronunciando la celebre frase: “Mi piace il Napalm di prima mattina!” Noi, ovviamente - a cominciare dagli amici e dalle famiglie dei caduti - non dobbiamo chiederci e neppure pensare come mai in tanti anni a nessuno sia mai venuto in mente di bruciare, o di distruggere con i diserbanti le piantagioni. Se poi qualcuno dovesse pensare che sembrerebbe quasi che si sia fatto di tutto per cautelare le piantagioni, ebbene costui sarebbe un sovversivo. Tutti abbiamo capito perché e soprattutto per conto di chi stanno realmente lì i militari, americani o europei che siano: è per la pace e la libertà, in difesa della democrazia contro il terrorismo.

Pubblicato il 11/6/2009 alle 18.32 nella rubrica attualità.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web